Colli Euganei

ITItaliano

Menu principale

Sentiero Ferro di Cavallo n.15

Sentiero Ferro di Cavallo n.15

Sentiero Ferro di Cavallo n.15

Sentiero n.15 del Parco Regionale dei Colli Euganei

L'inizio del sentiero Ferro di Cavallo parte dal Museo della Navigazione Fluviale, dedicato alle antiche attività dei barcari e unico nel suo genere, perlomeno in Italia.

Dopo aver imboccato via Ortazzo e svoltato a destra, percorrerete un tratto nel centro storico e, attraverso la statale 16 in direzione Battaglia, giungerete alla conca di navigazione risalente al 1923 e recentemente restaurata. L'opera, unica in Europa, utilizza solo la pressione dell'acqua e mette in comunicazione il canale Battaglia con il Vincenzone mediante il canale Rialto.

Oltrepassato il ponte e Casa Berto, la tipica fattoria in stile veneto costruita in prossimità del canale, inizierete il vostro viaggio verso la parte più affascinante del sentiero a partire dalla vista del maestoso castello del Cataio. Percorrerete quindi il “Ferro di cavallo”, formato dai monti Ceva, Spinefrasse e Croce; quest'ultimo è interessato da una profonda opera di messa in sicurezza dei suoi sentieri a causa dell'intensa attività estrattiva avvenuta fino agli anni '70.

Il manto roccioso è costituito da rocce sedimentarie di marne e tufi  e da rocce di origine vulcanica;  grazie a queste pietre, gli studiosi hanno potuto ricostruire la storia geologica dei Colli Euganei.

Successivamente proseguirete lungo il viale degli Alpini, attraverserete via Galzignana, continuando poi lungo via Petrarca che vi farà accedere alla seconda parte del sentiero.

Passato lo stabilimento termale “La Contea”, dovrete svoltare a sinistra per poi rientrare nella zona chiamata “argine dello scajaro”; qui potrete ammirare uno splendido panorama dove spiccano Villa Selvatico e Villa Lispida.

Il percorso continua fiancheggiando la ferrovia; giunti al passaggio a livello e girando a destra, attraverserete il centro abitato di Battaglia e percorrerete via dei Colli fino a raggiungere il canale, dove è prevista la svolta verso via Terme.

A destra del canale ecco svettare la Chiesa di San Giacomo, costruita nel 1332 e completamente ristrutturata nel 1703. Dopodiché dovrete attraversare il ponte in prossimità del quale è situata la statua di San Giovanni Nepomuceno, protettore contro i pericoli causati dalle acque.

Svoltando a sinistra ritornerete lungo la statale 16 per poi immettervi in Via Chiodare che vi riporterà al Museo della Navigazione, punto di partenza del percorso di Battaglia Terme.


Iniziativa finanziata dal Programma di sviluppo rurale per il Veneto 2014-2020
Organismo responsabile dell'informazione: GAL Patavino.
Autorità di gestione: Regione del Veneto
- Direzione AdG FEASR Parchi e Foreste -