Colli Euganei

ITItaliano

Menu principale

Sentiero del Monte Lozzo n.5

Sentiero del Monte Lozzo n.5

Sentiero del Monte Lozzo n.5

Sentiero n.5 del Parco Regionale dei Colli Euganei

Attraversato il Municipio, il centro abitato di Lozzo ed una cava di trachite, ecco giungere davanti a Casa Borotto, edificio che segna l'entrata al sentiero numero 5 del monte Lozzo.

Verrete immediatamente rapiti da una splendida veduta panoramica per poi proseguire verso un piccolo sentiero dove troverete le postazioni militari, delle enormi buche scavate nella trachite utilizzate per sorvegliare meglio il monte Lozzo.

Una salita vi porterà alla prima piazzola di sosta con delle panchine; il sentiero continua con una leggera discesa che attraversa un bosco di acacie e un vigneto, fino ad una scaletta che vi ricongiungerà con l'inizio del percorso.

Il sentiero che attraversa la parte superiore del monte Lozzo è ricoperto da una rigogliosa vegetazione; il fondo è calcareo con la presenza di selci rosse nella roccia. Superato un grosso albero di castagno e la veduta sui colli Berici, ecco spuntare quercie e carpini con sottobosco formato da pungitopo e noccioli.

Dopo una curva che porta direttamente al canale Bisatto, dove sono situate altre postazioni militari, raggiungerete la località “cà Matta” .Qui ammirerete un altro panorama spettacolare offerto dai Colli Euganei scorgendo i colli Berici, il monte Lovertino, monte della Madonna, monte Grande, monte Vendevolo e monte Venda.

Riprendendo il sentiero pianeggiante a destra, giungerete all'interno del bosco fino ad arrivare all'incrocio con tre sentieri: il primo porta alla cima, il terzo riporta a Lozzo, il secondo è quello che dovrete imboccare. Il panorama dei monti Cinto, Rusta e Cero , vi guiderà verso il terzo presidio militare, attraverserete un altro bosco di acacia, fino ad incontrare il quarto ed ultimo osservatorio militare. Dopodiché il sentiero immediatamente a sinistra vi riporterà al Municipio di Lozzo.


Iniziativa finanziata dal Programma di sviluppo rurale per il Veneto 2014-2020
Organismo responsabile dell'informazione: GAL Patavino.
Autorità di gestione: Regione del Veneto
- Direzione AdG FEASR Parchi e Foreste -