Colli Euganei

ITItaliano

Menu principale

Sentiero del Monte Cinto n.11

Sentiero del Monte Cinto n.11

Sentiero del Monte Cinto n.11

Sentiero n.11 del Parco Regionale dei Colli Euganei

Il sentiero inizia a 100 metri dalla piazza del Museo di Cava di Bomba per poi salire e percorrere il versante sud del monte Cinto. In corrispondenza di un vigneto e di una deviazione a sinistra, dovrete attraversare un bosco di robinia e scendere lungo la pista forestale composta da roverella, orniello, erica arborea, pungitopo e asparago selvatico.

Raggiunti degli ostacoli artificiali di proprietà privata, vi troverete davanti ad un bivio e svolterete a destra scendendo lungo la pista forestale. Ad un certo punto sarà possibile ammirare il panorama  “geometrico” formato dai fossi di scolo del canale di Lozzo e del Bisatto.

Dopo aver percorso un piccolo tratto in pianura si riscende nuovamente fino a sopraggiungere ad un piazzale di una cava dove è stato piantato un ciliegio.


Il sentiero continua lungo il versante nord del Colle, dove sulla destra è possibile intravedere lo sperone roccioso della Busa dei Briganti e lo splendido panorama circostante coinvolgendo i rilievi euganei occidentali.

Il percorso permette di raggiungere la Busa dei Briganti o continuare l'itinerario previsto raggiungendo il piazzale di una vecchia cava di riolite. Entrando nell'anfiteatro dallo scenario apocalittico, incontrerete lunghissime colonne di riolite di chiara origine vulcanica.

Cava di Riolite sul monte Cinto
Cava di Riolite sul monte Cinto

Proseguendo raggiungerete la cima dove potrete trovare le rovine del castello di Monte Cinto risalente al medioevo. Fu raso al suolo nel 1242, ricostruito e definitivamente abbandonato con la conquista della Repubblica di Venezia nel XV secolo.

A questo punto dovrete tornare indietro scendendo pian piano fino ad incontrare la pista forestale che a destra vi riporterà al vigneto sopra Cava di Bomba e quindi alla fine della vostra escursione.


Iniziativa finanziata dal Programma di sviluppo rurale per il Veneto 2014-2020
Organismo responsabile dell'informazione: GAL Patavino.
Autorità di gestione: Regione del Veneto
- Direzione AdG FEASR Parchi e Foreste -