Colli Euganei

ITItaliano

Menu principale

Pianoro del Mottolone

Pianoro del Mottolone

Pianoro del Mottolone

Una terrazza naturale con vista mozzafiato sui Colli Euganei meridionali

Qualche chilometro sopra l'abitato di Arquà Petrarca si trova un incantevole punto panoramico, chiamato "il Pianoro"; l'appellativo indica un'altura caratterizzata dalla sommità pianeggiante, da cui si gode una straordinaria vista su tutti i Colli Euganei meridionali.

Si tratta di una terrazza naturale posta sul crinale del monte Mottolone, raggiungibile anche in macchina lungo la stretta e ripida strada carrabile che collega Arquà Petrarca con Faedo. Il punto panoramico si estende su un ampio piazzale sterrato, in cui è stato collocato un pannello descrittivo dell'ambiente naturale circostante. Dal pianoro si ammirano in direzione sud-ovest le cime dei seguenti colli (in sequenza da destra verso sinistra): il monte Rusta ricoperto da un fitto bosco, il Gemola riconoscibile per la presenza sulla sua sommità del complesso di Villa Beatrice d'Este, il monte Cero con le antenne, ed infine il monte Castello. Questi ultimi due monti sono collegati tra di loro da una piccola sella in cui svetta l'esile campanile di Calaone, molto ben visibile da questa angolatura.

Pianoro Mottolone
Il fenomeno dell'inversione termica al pianoro del mottolone

Verso nord il panorama è dominato dalla più alta cima degli Euganei, il monte Venda, affiancato a sinistra dal monte Vendevolo e a destra dal monte Rua, sulle cui pendici si distingue facilmente l'omonimo monastero Camaldolese.

L'ambiente in quest'area è molto particolare ed è caratterizzato dalla presenza di un suolo molto arido e dalle rocce chiare e friabili della scaglia rossa. Tutto attorno si estendono prati chiamati "vegri", dominati da piante basse e piccoli arbusti tipici della macchia mediterranea, come la ginestra, la rosa canina e il corbezzolo. In primavera ed estate i prati offrono straordinarie fioriture in cui si avvistano frequentemente diverse varietà di orchidee. Più a valle i pendii sono invece ricoperti da ordinate coltivazioni di uliveti e vigneti.

Molti sentieri escursionistici conducono sul Pianoro, risalendo i versanti del monte Ventolone o del vicino monte Fasolo, pertanto si consiglia di arrivare quassù a piedi o in mountain bike; raggiungendo lentamente questo punto panoramico potrete godere appieno della natura e del paesaggio.


Iniziativa finanziata dal Programma di sviluppo rurale per il Veneto 2014-2020
Organismo responsabile dell'informazione: GAL Patavino.
Autorità di gestione: Regione del Veneto
- Direzione AdG FEASR Parchi e Foreste -