Colli Euganei

ITItaliano

Menu principale

Castello di San Martino della Vaneza

Castello di San Martino della Vaneza

Castello di San Martino della Vaneza

Centro strategico di difesa e Museo del fiume Bacchiglione

Il Castello di San Martino della Vaneza si trova lungo l'argine del fiume Bacchiglione che fin dall'antichità ha rappresentato prima un importante centro strategico di difesa militare, poi un  rinomato riferimento per il traffico mercantile.

Intorno all'anno Mille, il primo sistema di difesa fu costituito dalla caratteristica torre alta oltre venti metri. Nel 1324, i Carraresi, divennero proprietari del Castello di San Martino attuando delle importanti ristrutturazioni che coinvolsero il recinto in pietra di trachite (alto ben 10 metri) e la torre, rendendola più sofisticata mediante una serie di merlature in mattoni sporgenti a balzo.

Organizzato su sei piani, ancora oggi possiamo trovare i segni caratteristici di una struttura atta alla difesa militare, come le feritoie alte e strette, ubicate al piano terra del recinto.

Il 1405 fu l'anno in cui i Veneziani trasformarono il castello in un vero e proprio centro commerciale sviluppando un florido e funzionale porto fluviale. L'attività principale consisteva nello smistamento di semilavorati di legno provenienti dai boschi limitrofi, occorrenti ai cantieri veneziani. Si assistette alla nascita inoltre, di piccoli borghi dove si affacciarono le prime osterie che svolgevano le loro funzioni commerciali sia all'interno del castello, sia nelle sue immediate vicinanze

Nel 1439 anche la famiglia Vendramin diede il suo contributo; dopo aver acquisito la proprietà del castello fece costruire il primo mulino natante, in funzione fino al 1800, quando l'ultimo erede della famiglia lo cedette ai Filippini di Padova

Dal 1930 al 1978 i proprietari del castello furono gli Antonini Papavafa dei Carraresi. Dal 1979 ad oggi, appartiene alla provincia di Padova che ha grazie ad un importante processo di valorizzazione e recupero di antichi reperti, ha permesso, nel 1995, l'apertura del Museo Archeologico del fiume Bacchiglione. I visitatori potranno conoscere l'affascinante storia delle popolazioni che hanno abitato la pianura alluvionale, godendo appieno lo spettacolo della natura che la circonda.


Iniziativa finanziata dal Programma di sviluppo rurale per il Veneto 2014-2020
Organismo responsabile dell'informazione: GAL Patavino.
Autorità di gestione: Regione del Veneto
- Direzione AdG FEASR Parchi e Foreste -