Colli Euganei

ITItaliano

Menu principale

Sentiero del Monte Rosso n.16

Sentiero del Monte Rosso n.16

Sentiero del Monte Rosso n.16

Sentiero n.16 del Parco Regionale dei Colli Euganei

Il Monte Rosso è isolato rispetto alla conformazione dei Colli Euganei; i cambiamenti avvenuti nelle ere geologiche (Pliocene e Quaternario) ne hanno determinato la caratteristica forma a cono formata da trachiti alcaline e da depositi quaternari. Tra quest'ultimi una torbiera ha fatto rinvenire i resti di un bue a corna corte (Bos tauros brachyceros, Rutimeyer).

Prima di iniziare il percorso del sentiero del Monte Rosso, potrete ammirare Villa Bembiana e il suo parco monumentale; fiancheggerete il muro di cinta della villa tra gli splendidi platani e carpini fino a svoltare a sinistra in via Circuito Monte Rosso. Questo tratto di bosco è costituito da diversi esemplari di robinia di età differente, segno che l'uomo si è dedicato in maniera massiccia alla coltura di questa specie. Si intravedono inoltre anche gli antichi terrazzamenti agricoli nei quali si coltivavano vite, cereali e prodotti dell'orto. I terreni ormai abbandonati da anni hanno subito l'invasione della robinia a discapito della rovere, del carpino bianco e dell'orniello.

Proseguendo lungo la pista, vi imbatterete in una parete di una cava dismessa che ha modificato profondamente l'aspetto di tutto il versante orientale del monte. Alla fine della pista è presente una piazzola con una recinzione protettiva in pali di castagno e dalla quale si inizia a salire lungo un impluvio scavato nella roccia. Noterete un maestoso leccio che si distingue dalla vegetazione circostante formata da boschi di diversa origine.

Conclusa la salita, incontrerete un incrocio che a destra vi porterà verso il bordo della cava, dove in corrispondenza di un gigantesco rovere è situata una grotta non accessibile al pubblico. Effettuando una piccola deviazione, è possibile accedere a un meraviglioso punto panoramico con recinzioni, proprio perché in alcuni tratti può risultare pericoloso.

Ritornando all'incrocio, il sentiero principale prosegue lungo la vecchia pista forestale di bosco di castagno invecchiato e abbandonato dall'uomo per gli ingenti costi della sua manutenzione. La vegetazione è stata colpita dal cancro corticale, un fungo patogeno introdotto probabilmente attraverso delle cassette di legno provenienti dall'America durante la prima guerra mondiale. L'organo legnoso presenta delle aree dal contorno irregolare e rossastro. La pianta non muore, ma  non esistono cure a meno che non si intervenga con il taglio dei soggetti arborei che presentano gli evidenti segni della malattia.

Raggiunta la cima potrete godervi il bellissimo panorama di Praglia e dei monti delle Are, Lonzina e Boscalbò per poi scendere lungo la strada di tornanti, che in antichità conduceva a Villa Bembiana.

Incontrato un bivio continuerete la discesa del percorso, costituito da boschi termofili con esemplari di leccio, orniello, roverella, bagolaro e acero campestre. In prossimità di un tornante si abbandonerà la pista, proseguendo lungo uno stretto sentiero che vi riporterà in via Circuito Monte Rosso.


Iniziativa finanziata dal Programma di sviluppo rurale per il Veneto 2014-2020
Organismo responsabile dell'informazione: GAL Patavino.
Autorità di gestione: Regione del Veneto
- Direzione AdG FEASR Parchi e Foreste -